domenica 25 agosto 2019

La Serenella


Ciao, io solo Daniele e sono l'ala destra della Serenella.
Noi della Serenella giochiamo a calcio tutti i mercoledì pomeriggio e poi il sabato giochiamo il torneo.
Abbiamo delle bellissime divise verde smeraldo,  che è il colore preferito della mia mamma, con le scritte argentate gentilmente offerte dal signor Sala, della Sala Assicurazioni che ha l'ufficio in piazza sopra la pescheria.


Noi della Serenella non abbiamo un capitano. La fascia il Giovanni, che è il nostro allenatore, la da a chi nella settimana compie gli anni. Il mio problema è che io ed il Calderaro compiamo gli anni a due giorni di distanza e così per quella partita dobbiamo fare un tempo per uno.


Noi della Serenella comunque perdiamo sempre ed arriviamo sempre ultimi al toTorneo degli Oratori. Questo fa arrabbiare tantissimo don Albano, il prete vecchio dell'oratorio. Lui dice che si arrabbia per il nostro bene, per spronarci a fare meglio, ma lo sanno tutti che in realtà si vergogna con il suo amico don Armando che tifa per i Diavoli Rossi.
Anche se perdiamo noi ci divertiamo un sacco a giocare nella Serenella perché facciamo insieme le gite con il pulmino, facciamo merenda insieme e poi è un buon momento per scambiarci le figurine doppie dell'album dei Calciatori di Serie A.


L'unica cosa che davvero non mi piace è fare le tattiche. Il Giovanni insiste nel dire che è fondamentale, ma a me proprio non piace. Ad esempio non capisco mai perché si arrabbia sempre con me quando qualcuno mi tira la palla in una zona del campo dove non ci sono. Se non ci sono perché me la tirano lì? Mah...


Ma anche se le tattiche non ci vengono bene e perdiamo, noi ci divertiamo sempre. O meglio... ci divertivamo.. Tutto è cambiato quando abbiamo perso anche con le Pro Libertas, per 6 a 1. 
La Pro Libertas è una squadra di bambine, ma era un'amichevole.. mica contava per il torneo!!!
Quel pomeriggio erano tutti furiosi: il Giovanni era sconsolato, il Signor Sala depresso, don Albano agitato, anche perché quella sera ci sarebbe stata la riunione dei preti del Decanato e avrebbe quindi visto don Armando. Don Felice minacciava, appoggiato da tutti gli altri, di non iscriverci al Torneo degli Oratori che sarebbe iniziato da lì ad un mese.



To Be Contunued

3 commenti:

  1. Ma che bella storia.(del timbro e della colorazione non voglio nemmeno parlarne... invidia).. e anche se non mi piacciono le storie a puntate... aspetto volentieri il seguito❤😘

    RispondiElimina
  2. Della colorazione hk gia' detto.del testo che dire??? Ti chiederei che caramelle mangi per riuscire a narrare una storia così dolce e simpatica?
    Sei geniale anche nella scrittura.attendo i tuoi racconti settimanali esattamente come un bambino aspetta si scartare le figurine sapendo che comunque vada gli piaceranno tutte! Ecco...io resto sempre a bocca aperta a sognare mentre ti leggo

    RispondiElimina
  3. Che storia bella!sarà che da ragazzina amavo giocare a calcio,ma ora aspetto con ansia la prossima puntata!💙

    RispondiElimina