lunedì 12 agosto 2019

Iaia and Me


Più o meno andò così..
La chiamai con un groppo in gola, forse era un inizio di attacco di panico, e le dissi una roba tipo "Andiamo via, non mi chiedere niente, ma andiamo via, in un posto dove non parlano la mia lingua, lontano... per qualche giorno, non per tanto tempo, dove vuoi tu, ma portami via..."
Non mi chiese perché, che era la domanda che mi avrebbe pesato di più fra tutte quelle che poteva farmi, e non giudicò l'infantilità della mia richiesta. Ne capì l'importanza però, eccome... l'unica persona al mondo che sa esattamente come prendermi sempre , rispose nell'unico modo in cui sapeva non avrebbe potuto mettermi a disagio... sdrammatizzando.
"Va bene - disse -  ma scelgo io dove perché altrimenti mi fai passare tutto il tempo in giro per musei e poi prendiamo un appartamento con due stanze perché tu russi!"



Ci trovammo così qualche tempo dopo in aeroporto a Lisbona. 
Lei arrivava da Londra ed io da Milano.
Arrivò all'appuntamento prima di me, anche se il suo aereo atterrò sul suolo portoghese dopo il mio.
Era bellissima mentre mi aspettava, con i suoi Rayban, che sembravano presi in prestito da Maverick di Top Gun, e gli Air Pod nelle orecchie.
La vidi per prima e rimasi ferma a guardarla sbuffare mentre al telefono mi dava indicazioni per raggiungerla:"Non è difficile Mirandina, dai... c'è un solo Balcao Informacao! Guarda in alto, segui le indicazioni... cerca l'Information Desk, sono lì sotto".
Quando la raggiunsi l'abbracciai forte, come se non ci vedessimo da mesi, mentre era passata una decina di giorni circa.
Abbracciandola le feci cadere un Air Pod. Mi sentivo così impacciata, ma lei lo raccolse sorridendo.
"Vieni" disse "cerchiamo un taxi e andiamo a posare le valigie e a mangiare un Pasteis de Nata".
"Certo, ho qui il numero dei Taxi di Lisbona, l'ho cercato prima di partire... " replicai cercando di riprendere in mano le redini della sorella maggiore, ma mi stupì ancora una volta : "come sei vecchia, ho qui l'app di Uber ci penso io!"


Arrivammo in anticipo all'appuntamento con i nostri affittuari di Air BnB.
La nostra casetta per quei giorni sarebbe stata in una stradina estremamente caratteristica e molto colorata nel centro della  città.
L'ingresso dava direttamente sulla strada. Dopo la porta c'era una rampa di scale e l'appartamento era lì sopra. La porta era aperta e si sentiva trafficare su in altro. Abbiamo pensato subito che potevano esserci gli ospiti prima di noi che stavano andando via.
Eravamo effettivamente un po' in anticipo.
"Vai su tu a vedere!" disse Arianna.
In un'altra occasione le avrei risposto "Ma figurati! La rampa è ripida, la mia valigia è più pesante, io sono asmatica e tu sei quella minore! Sali tu!"
Ma non lo feci. Dovevo recuperare i punti persi in precedenza.
Salii le scale e trovai due signore intente a pulire. Si pietrificarono alla mia vista. Imbarazzatissima biascicai "Salve, sono Miranda Nullo e ho prenotato questo appartamento per i prossimi giorni!"
"Sei Arianna, la ragazza di Londra?" chiese la signora più bassa mostrando un sorriso sorprendentemente accogliente. Pensai.. Iniziamo bene.. cosa non capisce del 'Sono Miranda Nullo...' 
-No, sono Miranda e sono la ragazza di Milano, Arianna è mia sorella ed è qui sotto.
- Ma siete in anticipo..
- Ha ragione, ci scusi, ma abbiamo calcolato male i tempi dall'aeroporto (e saremmo anche arrivate un'oretta prima se io non mi fossi persa in uno degli aeroporti più piccoli d'Europa...)
- Ma noi stiamo pulendo la casa per voi, e poi mio marito ci tiene a darvi il Welcome of Love...
Ecco. Avrei pagato per vedere la mia faccia davanti a quella espressione, Welcome of che!?!
- Ah, capisco (no, non è vero.. non capivo proprio niente)... vabbeh, vorremmo solo posare le nostre borse, torniamo dopo, andiamo a mangiare qualcosa.
- Ma certo cara, lasciate pure tutto qui, e tornate dopo, mio marito ci tiene tantissimo.
Sorrisi. Quelli un po' di circostanza. Scesi le scale.



Arianna era impaziente "Allora? Tutto a posto?"
- Sì, stanno pulendo l'appartamento. Gli altri ospiti devono averlo appena lasciato. Possiamo lasciare le borse.
- Perfetto.. andiamo..
-Iaia, ma tu che parli inglese meglio di me, che cosa è un Welcome of Love?
- Non ne ho idea...
- Hanno detto che dobbiamo tornare perché ce lo devono dare..
- Chissà cosa hai capito...
Le Signora ci aspettava in cima alle scale . Ci prese le valigie e si raccomandò ancora una volta di tornare per le 4 in modo da conoscere anche il marito che ci teneva davvero tanto.
Questa cosa ci intimorì entrambe abbastanza, ma il timore ci passò subito al primo Caffe' dove ci abbuffammo di Pasteis de Nata.
- Non sono buonissime?  - Disse Arianna addentando la sua.
- Oh sì, a Milano non ci sono..
- Neanche a Londra..
- Forse allora è per questo che sono così buone... alla fine se ci pensi è solo crema pasticciera..
- O forse sono così buone perché le stiamo mangiando insieme e siamo in vacanza.
Presi per buona la sua spiegazione. Aveva più senso.


Tornammo a casa guardando i colori del cielo, dei palazzi, dei negozi... giusto in tempo per scoprire il rituale di accoglienza della famiglia Santos, i nostri ospiti.
Credetemi, quei due sembravano i Weasly. Ci accolsero abbracciandoci e baciandoci.
Ci offrirono un bicchierino di Porto ed una Pasteis de Nata (e tre!)
Il signor Santos ci mostrò la casa ed il funzionamento di tutti (e dico tutti) gli elettrodomestici presenti e quando ebbe finito la Signora Santos tirò fuori dei figli scritti con una scrittura decisamente elementare, ma molto fitti. Esordì dicendo che visto che non ci saremmo fermate per molto, non potevamo perdere tempo perché c'era tanto da vedere e lei ci aveva preparato un itinerario dettagliatissimo.
Avevo anche io preparato un itinerario. Io preparo sempre itinerari e, non per vantarmi, ma sono proprio brava. Quello di quei giorni era abbastanza serrato a dire il vero, ma, dopo aver visto Uber in azione, non avevo dubbi che saremmo riuscite a rispettarlo.
Nel suo, la signora Santos aveva inserito zone anche fuori Lisbona e quando arrivò il momento di presentare Cascais si stava quasi per mettere a piangere per convincerci ad andare a visitarla.
Ripeté I BEG YOU almeno 5 volte. Ad un certo punto Arianna le disse "Non si preoccupi Signora, ci andremo di sicuro".
Appena sole Arianna mi guardò severa :"Adesso, mentre andiamo a visitare il castello di San Giovanni, tu tiri fuori il tuo I Pad e vedi  di incastrare Cascais nel nostro itinerario perché è sicuro che quando torna a prendersi le chiavi  ci chiederà se l'abbiamo visitata ed io non ho intenzione di deluderla... quella cara donnina... oh guarda Nannina, ci hanno lasciato altre due Pasteis de Nata. Beh, dai...queste le mangiamo stasera quando rientriamo..."



E così eccoci, alla scoperta di Lisbona, a vedere posti mai visti, a sentire parole mai sentite, a mangiare cibo mai pensato e a parlare... tanto... di tutto. 
E' indicibile la sensazione che si prova quando sai che la persona che hai davanti non ha bisogno di sapere le tue cose per conoscerle e curarle. E' una sensazione di estrema leggerezza e sicurezza quella di non dover parlare, articolare, argomentare, dimostrare per essere accolti. 
Credo sia un lusso che siano in pochi a permettersi.  E' una gran bella cosa!

E' stata una vacanza di qualche giorno molto densa. Io mi sono portata a casa un segno indelebile sul ginocchio sinistro perché, non ho ancora capito come, davanti alla Torre di Belem, sono caduta come una pera perdendo scarpa e borsa, ma salvando il cellulare. Eppoi, cosa fondamentale, ho affrontato le paure che mi avevano portata lì e mi sono accorta che spesso sono più leggere e meno dolorose di quello che ci aspettiamo mentre aspettiamo (o procrastiniamo?) di combattere la nostra battaglia.



Ma queste considerazioni non sono il senso di questo Lay Out. 
Questo Lay Out racconta la storia di due sorelle che si sono ritrovate a Lisbona e che hanno preso tutto il bello che in quei giorni potevano prendere e lo hanno fatto insieme!

Grazie per essere passati di qui,
alla prossima
K&H
M!R



PS -- Vi racconto questo LO

Ho scelto di usare due foto singole perché la sensazione di essere raggiunta e di raggiungere è stata proprio bella, inoltre mi piace anche che in modi diversi queste foto parlino di due diversi modi di guardare Lisbona, con tanti punti in comune, ma diversi.

Ho scelto poi di stampare le foto in bianco e nero perché mi sembra che potessero raccontare meglio il ricordo in sé.
Come abbellimenti ho usato i Die Cuts di Cocoa Vanilla Studio, un brand Australiano che mi piace un sacco.
I prodotti di questo Brand sono di altissima qualità, hanno un design inconfondibile ed utilizzano colori a me molto vicini.
E poi mi piace molto quello che dice Zoe Pearn, proprietaria e designer del marchio, a proposito dello Scrapbooking e cioè che serve a non permettere che la potenza dei nostri ricordi belli si affievolisca nell'ordinario di tutti i giorni.
Mi piace molto come idea perché va oltre la voglia di ricordare e di fare memoria,  richiama di fatto   la potenza del ricordo intesa come potere salvifico nei momenti brutti.
Infatti, una peculiarità delle collezioni di Cocoa Vanilla Studio è quella di accompagnare con vari elementi il nostro ricordo senza indirizzarlo forzatamente al senso della collezione o al pensiero del designer.
Mi spiego meglio: a volte ci sono collezioni che riportano frasi o si focalizzano su parole che quando le usiamo  in genere diciamo "Beh, metto questo, non è esattamente quello che voglio dire, ma no c'è altro, me lo faccio andare bene lo stesso". Ecco! questa cosa non accade con Cocoa Vanilla e  per una scassascatole come me, rappresenta sicuramente un plus.


 





13 commenti:

  1. Che racconto meraviglioso: il lo è le tue parole! Che sorelle meravigliose siete! 2 persone davvero fortunate!
    E il lo, riesce a raccontare la stessa storia del post, anche solo guardandolo!
    Meraviglia! Grazie Mir per la condivisione!

    RispondiElimina
  2. Parole delicate tanto da sentirsi " dentro" al viaggio che hai fatto. E la scelta del bianco e nero delle foto e la delicatezza dei colori che hai usato nel Lo toccano davvero il cuore.lavoro ben riuscito perché trasmette l'intensità delle emozioni vissute con Arianna. I miei complimenti.

    RispondiElimina
  3. Racconto meraviglioso sembrava di essere lì con voi sei fantastica e il LO è super complimenti

    RispondiElimina
  4. Il tuo racconto è talmente bello e coinvolgente che quasi mi dimenticavo di guardare il LO... ho detto quasi, eh... l'ho guardato e trovo bellissimo anche lui...

    RispondiElimina
  5. Che racconto stupendo! E il tuo LO immortala benissimo il tuo pensiero.

    RispondiElimina
  6. Dolcissima Mir.... leggerti è stato come viaggiare con te, ogni attimo sentito dentro, tra cuore e stomaco ..
    Mi hai fatto rimpiangere di essere figlia unica, vorrei essere una vostra sorellina... così che questa tristezza per i miei gemelli lontani voi so che capireste...
    Grazie per aver condiviso con noi i tuoi attimi di vita, con le parole e con la meraviglia di questo LO...

    RispondiElimina
  7. Miranda adoro sentire o leggere le tue storie e questa è davvero speciale..sono commossa!!!
    Il lo..vabbè bellissimo come sempre, mi affascina il modo in cui trasmetti tutti i tuoi sentimenti sulla carta...sei davvero una persona che trasmette energia positivissima ❤️

    RispondiElimina
  8. Bellissimo racconto, talmente minuzioso nei particolari che credevo di viaggiare con voi. Super il LO.

    RispondiElimina
  9. Le foto le avevo gia' viste nei tuoi profili, ma in questo Lo fantastico e con il tuo racconto hanno preso vita... finalmente sei tornata Mir❤

    RispondiElimina
  10. ❤️❤️❤️ adoroooooooooo !!

    RispondiElimina
  11. Tu, dovevi scrivere libri mia cara. Adorabile racconto, uscito vivo dalla scatola dei ricordi, solo le foto in bianco e nero, ma quello sono i ricordi. Grazie per i tuoi attimi di vita e per i tuoi lavori.

    RispondiElimina
  12. Allora..intanto ti invidio tua sorella...e poi grazie che con i tuoi racconti mi fai sempre viaggiare ed emozionare. E poi il LO è splendido...ma che te lo dico a fare...
    Un abbraccio.

    RispondiElimina